ARTISTI

COEZ
 

Coez Dopo il successo e i sold out che hanno accompagnato il “Niente che non va tour” e il "Ti Sposerai tour", il ritorno di COEZ sui palchi estivi è alle porte. L’artista romano, affermatosi come uno dei rappresentanti più amati e apprezzati del nuovo cantautorato italiano, pubblicherà un nuovo album "Faccio un casino" il 5 maggio 2017, anticipato dal singolo e video che danno il titolo all'album.

 

 

Coez è stata una delle rivelazioni italiane del 2013.
Il suo primo album ufficiale, prodotto da Riccardo Sinigallia, “Non erano fiori” (Carosello Records) è entrato direttamente in top 10 della classifica ufficiale GFK restandoci per 4 settimane.
Un crossover tra rap e canzone d’autore unico in Italia che ha conquistato le radio, la stampa (da Rolling stone a Vanity fair, da Repubblica a il Corriere della sera) ed MTV (è stato scelto come artista del mese di gennaio 2013 e sposato dal canale tematico per tutto l’anno). E’ arrivato in finale al “Music Summer Festival” su Canale 5 nell’estate 2013.
I numeri sul web sono elevatissimi e sempre in crescita: oltre 130mila fan su Facebook, oltre 22mila follower su Twitter, oltre 38mila su Instagram
I suoi video totalizzano oltre 5 milioni di visualizzazioni.

Coez BO Arena Puccini 17.09.2017Coez, inizia il suo percorso musicale a 19 anni grazie al rap, dando vita assieme a due  amici, al gruppo “Circolo Vizioso”. Producono il primo demo mixtape omonimo e, dopo un paio di anni, il primo disco ufficiale, “Terapia”, prodotto da Ford 78 e Sine.
Nel 2007, la conoscenza tra Lucci, membro del gruppo Unabombers, e i due restanti componenti del Circolo Vizioso, porta alla formazione della crew Brokenspeakers.
Con il passare del tempo Coez sviluppa una certa maturità di scrittura e di sound,
mantenendo la costante delle tematiche che lo hanno caratterizzato fin da subito: toni struggle, amori tormentati e situazioni difficili specchio della sua generazione.
Nel 2011 Coez si avvicina all’elettronica con “Fenomeno Mixtape”, in cui è più marcata la svolta artistica già intrapresa nel precedente album solista. Inizia quindi la collaborazione con Sine: “E invece no” è il brano che raggiunge in soli due mesi migliaia di visualizzazioni su Youtube e una diffusione a macchia d’olio nei social network.
Nel 2012 l’artista romano intraprende una stretta collaborazione con Riccardo Sinigallia, con il quale lavora assiduamente sul nuovo progetto discografico.
Il risultato di questa importante contaminazione artistica, è il primo disco ufficiale, prodotto dallo stesso Senigallia, uscito  a giugno 2013 per Carosello Records.
“Non erano fiori” è un album emotivo, che unisce testi emozionali, immagini forti e dirette con melodie che spaziano dal pop all’elettronica e riuscendo a creare atmosfere intime e suggestive. Il tutto valorizzato dalla produzione di Sinigallia che anni dopo il lavoro fatto con “Quelli che benpensano” di Frankie Hi-NRG, è riuscito nuovamente a valorizzare e inserire un artista nato dal mondo rap, in un contesto crossover dove parole e musica raggiungono la miscela perfetta.
Nel 2014, sull’onda del successo di “Non erano fiori” mette a segno due collaborazioni importanti firmando assieme a Gemitaiz & MadMan la hit estiva “Instagrammo”, e partecipando con Salmo al disco di Marracash nel brano “A volte esagero”. A dicembre chiude l’anno con un concerto sold out all’Atlantico di Roma.

Il suo terzo lavoro ufficiale, “Niente che non va”, prodotto da Ceri, esce a settembre 2015 su etichetta Carosello Records / Undamento ed entra direttamente al 2° posto della classifica degli album più venduti (fonte GFK Retail and Technology), risultando il disco italiano più venduto della settimana.
Il primo singolo estratto, “La Rabbia dei Secondi”, è stato in rotazione su radio molto importanti come 105, Radio2 e Radio Deejay.

Il tour 2016 ha fatto più di 3Coez live BO Arena Puccini 17.09.20170 concerti con molti sold out tra cui Milano, Torino, Roma.
I numeri sul web sono elevatissimi e sempre in crescita: 187.000 fan su Facebook, oltre 90.000 su Instagram e 30.000 su Twitter. I suoi video hanno totalizzato complessivamente più di 29 milioni di visualizzazioni (“Lontana da me” 5.4 milioni / “Ali Sporche” 3.6 milioni / ”Jet 3.9 milioni / “Siamo morti insieme” 3.3 milioni).
Su Spotify ha appena raggiunto i 170.000 ascoltatori mensili, più del doppio rispetto a 12 mesi fa (dati complessivi sui singoli: Faccio un Casino 387.000 / Jet 1.7 milioni / Lontana da me 1.5 milioni).

A gennaio 2017 si è concluso il “From the Rooftop” tour, in cui con 17 concerti in poco più di un mese, ha girato l’Italia insieme al suo chitarrista / tuttofare Alessandro Lorenzoni, portando uno spettacolo del tutto inedito per un artista del suo background. Questo tour “intimo” è stato l’epilogo di un percorso iniziato con una serie di video nei quali sono stati riarrangiati in acustico alcuni dei suoi brani più famosi  di alcune cover di artisti da lui stimati (come “Verso altri lidi” degli Uomini di Mare, ex gruppo storico di Fabri Fibra, che ha totalizzato 200.000 views con oltre 2.000 condivisioni su Facebook).
Le canzoni raccolte hanno visto la luce poi in nel disco “From the Rooftop” pubblicato nella sola versione mp3 sulle principali piattaforme streaming e stores digitali.

Il 5 maggio 2017 è uscito “Faccio un casino”, quarto album di COEZ. Il disco è stato anticipato dal singolo omonimo, presentato in una diretta facebook dalla pagina ufficiale di Coez che ha raggiunto oltre 250.000 persone.
L'album è prodotto dallo stesso COEZ insieme a Niccolò Contessa (I Cani) e Sine. Contiene dodici tracce immediate, di una poetica tanto rapida a far presa nelle orecchie, nel cuore e nell’immaginario di chi le ascolta, quanto fatta di un’onestà e una verità disarmanti. E’ un linguaggio che sa esprimere come nessun altro, trattando con la medesima efficacia temi come l’amore, l’amicizia, in maniera diretta ed emozionante.
Il disco sta battendo tutti i record, è da 20 settimane consecutive in classifica ancora in top 10 Fimi/Gfk (ad ottobre 2017 alla posizione numero 6) con oltre 30 milioni di ascolti stream totali. Ha abbondantemente superato il mezzo milione di follower su Spotify, (94.000 ascoltatori giornalieri), 48 milioni di visualizzazioni tra YouTube e Vevo, 235.000 follower su Facebook, 227.000 su Instagram. E sono dati da aggiornare quotidianamente.
A pochi mesi dalla pubblicazione l'artista si è aggiudicato 1 disco di platino (per "Faccio un casino", primo estratto) e 3 dischi d'oro (per "E yo mamma", "Le luci della città" e "La musica non c'è").
Lo stile di Coez, capace di muoversi nei terreni del pop e del rap con grande disinvoltura, ha conquistato pubblico e critica, unendone i consensi e decretandolo come uno dei più originali esponenti di un moderno cantautorato che sa evocare un immaginario di grande forza.